Due libri per il centenario

Due sono i libri pubblicati in Italia in occasione del centenario dello scautismo: “L’album del centenario – Raccolta di figurine scout” di Vittorio Pranzini (edito da Memoria e Cultura) e “Impeesa” di Ivo Milazzo e Paolo Fizzarotti (edito da Lizard Edizioni).
Il primo è un ’originale raccolta di figurine autoadesive illustranti lo Scautismo sia nei suoi aspetti storici che in quelli metodologici, con immagini provenienti da tutto il mondo e con testi in italiano, inglese, francese e spagnolo.
Il secondo è la storia di Baden Powell, il fondatore dello scautismo, una graphic novel disegnata disegnata da Ivo Milazzo, artista conosciuto in tutto il mondo e sceneggiata dal giornalista Paolo Fizzarotti.

 


A conclusione dell’Anno del Centenario esce nelle in Italia un’originale raccolta di 336 figurine autoadesive, da attaccare ad un album, con testi in italiano, inglese, francese e spagnolo.
Le figurine illustrano lo Scautismo, con immagini provenienti da tutto il mondo, sia nei suoi aspetti storici che in quelli metodologici, con particolare riferimento agli obiettivi educativi, ai valori della Legge e della Promessa, alla vita all’aperto, alle numerose attività di gioco e tecniche scout, con una vasta panoramica sulla fraternità mondiale.
Realizzato con il patrocinio e la collaborazione dell’Organizzazione Mondiale dello Scautismo, a cui va una parte del ricavato delle vendite per finanziare progetti di sviluppo dello Scautismo.
L’Album, con le relative figurine, si può trovare presso le librerie e le rivendite della Fiordaliso in due versioni: standard a 29,00 euro e deluxe, racchiuso in un cofanetto e con un gadget del Centenario, a 49,00 euro.
Se viene ordinato direttamente all’editore (tel. 333-3883350) si può avere lo sconto del 10% precisando che si è soci dell’AGESCI o del CNGEI.
L’editore è disponibile a praticare sconti superiori, da concordare, in caso di acquisti di più copie, come forma di autofinanziamento.


«Impeesa»: la storia di Baden Powell, il fondatore dello scautismo, è diventata una graphic novel disegnata da Ivo Milazzo, l’artista conosciuto in tutto il mondo come il creatore del personaggio western Ken Parker.
Il libro è pubblicato in Italia e all’estero dalla casa editrice Lizard di Roma, specializzata nel fumetto d’autore. Il volume è stato tirato in quattro lingue: italiano, francese, inglese e spagnolo.
Si tratta di un “cartonato alla francese” di 72 pagine che già al primo impatto visivo stupisce per l’accurata finitura editoriale.
La sceneggiatura è di Paolo Fizzarotti, giornalista del Gruppo Espresso e direttore delle riviste associative del Cngei.
Il volume è stato scelto come libro di testo per l’esame di storia comparata dell’educazione all’università di Modena e Reggio Emilia dal professor Nicola Barbieri: ma il punto di forza sono soprattutto i disegni, i colori, le luci e le ombre scaturiti dal pennello di Milazzo.
La parola «pennello» non è fuori luogo: in un mondo dominato sempre di più dal computer, il maestro genovese ha utilizzato la tecnica dell’acquarello.
Indimenticabili le scene ambientate in Afghanistan, nel territorio dell’Ashanti, a Biserta, o anche i paesaggi dello Zululand e del Transvaal.
Sfogliando il libro sembra di ascoltare i rumori e i suoni dell’Africa coloniale, di annusarne i suoi odori.
Invece sono estremamente «british» nell’atmosfera e nella luce i disegni ambientati nelle strade della Londra post vittoriana, la raffigurazione degli interni, dei vestiti.
E dei volti, visto che la caratteristica principale di Milazzo è la recitazione dei suoi personaggi.
Il libro è stato realizzato in collaborazione con gli scout laici del Cngei, il Corpo nazionale giovani esploratori ed esploratrici italiani, che lo hanno inserito nel calendario internazionale delle manifestazioni organizzate per celebrare degnamente il secolo di vita del movimento e i 150 anni dalla nascita del fondatore Baden Powell.
«Impeesa è un libro fatto insieme agli scout, ma non riservato agli scout — spiegano Paolo Fizzarotti e Ivo Milazzo —. E’ soprattutto un libro di avventure, ambientato nell’epoca più avventurosa e turbolenta della storia recente: e cioè la seconda metà dell’800 e i primi anni del ’900.
E’ questo il milieu in cui si forma, cresce e vive Robert Stephenson Smyth Baden Powell: un personaggio che ha avuto una storia e una personalità complesse, ricche di sfaccettature.
Si calcola che al mondo ci siano circa 400 milioni di persone che in vita loro hanno indossato il foulard degli scout: Impeesa si rivolge a tutti loro, ma anche a chi non è mai stato scout ma vuole capire il percorso di questo grande uomo, con tutti i suoi dubbi, le sue incertezze, i suoi errori e le sue grandi speranze per il futuro».

Rispondi