logo1
Roverway è un evento scout europeo, organizzato dalle associazioni internazionali Wosm e Wagggs e, in Italia, dalla Federazione Italiana dello Scautismo (FIS), finalizzato a promuovere la conoscenza tra giovani scout di diverse culture e tradizioni e di età compresa tra i 16 e i 22 anni, ovvero appartenenti a quella fascia d’età che Sir Robert Baden-Powell, fondatore dello scautismo, denominò dei rover.
Tipicamente si compone di due momenti: alcuni giorni da vivere in gruppi ristretti e internazionali per favorire la conoscenza e l’approfondimento di tematiche di interesse giovanile, e alcuni giorni in cui condividere tutti assieme le esperienze vissute e dare uno sguardo alle sfide che attendono gli uomini e le donne di domani.

logoita

Nel 2009 il Roverway si è svolto in Islanda dal 20 al 28 luglio presso lo Ulfljotsvatn Scout Center nel sud ovest dell’Islanda, mantenendo la medesima modalità con parte iniziale mobile (JOURNEY) e parte finale fissa (ALTHINGI) che rappresentano la tradizione democratica più antica ancora esistente al mondo. Sito ufficiale

Foto

Video

Documenti – Attività per Clan su cittadinanza europea
AgesciRelazione finale / Regole del gioco / Lettera Taccuino di Viaggio / Attività per clan su Comunità Natura e Viaggio /
CngeiAttività per compagnie
FisScheda di partecipazione
Documenti dall’IslandaArchivio Newsletters

Contingente
Mario di Frenna – Capo Contingente FIS
Flavio Romano – Conti Capo Contingente AGESCI
Maria Elena Bonfigli – Capo Contingente AGESCI
fra Alessandro Caspoli – Assistente Ecclesiastico AGESCI
Beniamino Cislaghi Capo – Contingente CNGEI
Diego Zanotti – Tesoriere
Luca Muru – Webmaster
Simone Bargelli – Resp. Casa Italia
Riccardo Bressan – Resp. International Carnival
Daniele Tosin – Resp. IST e referente sett.internazionale AGESCI
Corinna Raimondo –  Resp. IST CNGEI
Roberto Bollettini – Organizzazione


    I team iscritti all’evento verranno riuniti in TRIBU’ di 50 persone circa, dando loro la possibilità di conoscersi prima dell’arrivo in Islanda, comunicando via Internet. Il GIORNO DI ARRIVO in Islanda è per tutti fissato al 19 luglio. Lunedì 20 luglio mattina Roverway2009 inizierà con la CERIMONIA DI APERTURA a Reykjavik. Da qui le TRIBU’ (50 giovani divisi in team) si sposteranno in sottocampi sparsi per tutta l’Islanda per vivere i successivi quattro giorni vivendo le JOURNEY (ciascuna con un programma specifico). Dal 24 luglio si confluirà tutti allo Ulfljotsvatn Scout Centre per vivere la terza e ultima parte di Roverway 2009: l’ALTHINGI dove ci saranno workshop, tavole rotonde, attività culturali e all’aperto…. e chi più ne ha più ne metta! La CERIMONIA DI CHIUSURA di Roverway 2009 si svolgerà il 28 luglio mattina.


    Il tema specifico di Roverway2009 è Open Up, ed è un invito all’apertura da diverse prospettive che corrispondono ad altrettanti temi specifici.

    Open up your mind riguarda l’apertura verso tutte quelle cose che hanno a che fare con la propria mente, lo scoprire le proprie possibilità, e l’esplorare idee e innovazioni, inclusi il mondo dei computer e le nuove tecnologie.

    Open up your heart riguarda l’apertura all’amicizia, alla conoscenza reciproca, all’imparare a prendersi cura gli uni degli altri e dunque al servizio coi bambini, gli anziani, i disabili e tutti coloro che necessitano di un viso amico.

    Open up to challanges riguarda l’apertura alle sfide, all’oltrepassare i propri limiti e alle grandi esperienze come scalare la più alta montagna d’Islanda…

    Open up to culture riguarda l’apertura alle culture di tante diverse nazioni, per capire ciò che ci accomuna e ciò che ci rende diversi gli uni dagli altri.

    Open up to creativity riguarda l’apertura alle modalità per esprimere sé stessi attraverso l’arte, l’artigianato, la musica, il teatro, …

    Open up to environment riguarda l’apertura alla natura, agli sforzi per preservarla e proteggerla, alle peculiarità dell’ambiente islandese e delle sue risorse idriche e termali, ma anche ad azioni concrete come piantare alberi, tracciare sentieri e risistemare aree naturali di rara bellezza.



    journeyI JOURNEY sono viaggi, avventure di 4 giorni in cui le TRIBU’ di ragazzi provenienti da tutta Europa potranno esplorare l’Islanda e le sue meraviglie.

    La lista dei JOURNEY è davvero molto varia; la potete trovare QUI sul sito ufficiale di Roverway2009.
    LEGENDA: Ogni JOURNEY è identificato da:
    – un numero progressivo e delle lettere che indicano l’area dell’islanda in cui sono collocate: N= North, S=South, E=East, W=West, REY=Reykjavík, RNES= Reykjanes, SKA= Skaftafell national Park, TOR=Thorsmork, IS= Isafjordur;
    – un tema: Heart, Mind, Creativity, Environment, Challenge, Culture;
    – un numero di asterischi che va da 1 a 4 (* significa che non sono previsti spostamenti a piedi, ** è un journey che include qualche breve camminata, *** significa che ci sarà da camminare ogni giorno ma senza trasportare la propria attrezzatura **** significa che ci sarà parecchio da camminare).

    Ogni team nella fase dell’iscrizione potrà indicare i JOURNEY a cui vorrebbe partecipare. In primavera l’organizzazione islandese, cercherà, nei limiti del possibile, di riunire tutti i team interessati a un JOURNEY in una stessa TRIBU’. I team di una stessa TRIBU’ avranno quindi la possibilità di conoscersi attraverso internet e di prepararsi insieme per vivere il loro JOURNEY al meglio.

    Altre informazioni utili
    Durante ogni JOURNEY sarà data la possibilità di recarsi presso una piscina.
    Ogni TRIBU’ avrà la possibilità di rendersi utile per il luogo che visiterà o le persone che incontrerà.
    Ogni TRIBU’ dovrà portare qualcosa da condividere ad Althingi (il campo fisso): una canzone, una storia, un’esibizione….


    ALTHINGI (il campo fisso di Roverway 2009) si terrà presso lo Ulfljotsvatn Scout Centre che è situato nei pressi del lago Thingvallavatn nel sud-est dell’Islanda in una zona in cui hanno soggiornato gli antichi vichinghi e dove ancora oggi si dice vivano elfi e troll!

    Ospiterà gli scout café, il villaggio vichingo, l’ international carnival e tantissimo divertimento! Ci sarà inoltre la possibilità di scambiare i distintivi, di fare il bagno nel lago, nonché di prendere parte ad attività creative, tavole rotonde su diverse tematiche. Alla sera i fuochi di bivacco saranno l’occasione per ascoltare e fare musica, godersi il sole di mezzanotte, stringere nuove amicizie.

    Programma di massima

    Orari Venerdì 24/7 Sabato 25/7 Domenica 26/7 Lunedì 27/7 Martedì 28/7
    9,00 – 12,00

    Arrivo allo Ulfljotsvatn Scout Centre

    Attività e

    Tavole Rotonde

    Attività e

    Tavole Rotonde

    Attività e

    Tavole Rotonde

    Cerimonia di Chiusura

    12,00 – 14,00

    Pranzo

    Pranzo

    Pranzo

    Pranzo

    14,00 – 17,00

    Attività e

    Tavole Rotonde

    International Carnival

    Attività e

    Tavole Rotonde

    Partenze

    17,00 – 19,00

    Cena

    Cena

    Cena

    Cena

    20,00 – 22,00

    Cerimonia di Apertura

    Fuochi di Bivacco / Scout café / Musica dal vivo

    International Carnival

    Bivacco / Scout café


    Ai rover e alle scolte del del contingente Italiano si è pensato di proporre, accompagnati dalle rune dell’antico alfabeto islandese, un percorso di riflessione personale e comunitario a partire da tre tematiche legate all’Islanda, meta del Roverway 2009.

    Il primo aspetto che si è voluto prendere in considerazione è che in Islanda è nata una delle prime forme di democrazia del mondo: l’Althinghi, assemblea dove sin dal X secolo una volta all’anno si riunivano tutte le tribù islandesi, fiere della propria peculiare identità culturale, per incontrarsi, scambiare le proprie esperienze e prendere decisioni. Il ruolo privilegiato dei rover e delle scolte che giungeranno all’Althingi sarà quello di rappresentare la propria comunità (runa odal – il patrimonio e la casa) di appartenenza: il clan e la compagnia, ma anche la propria nazione, cultura, religione,… ; di saper mettere in comune le proprie esigenze per tramutarle in bene comune attraverso il confronto con persone e comunità diverse; di tornare alla propria comunità arricchito e capace di dare nuovi contributi.

    In secondo luogo l’Islanda è una terra in cui la natura (runa ur – la natura, la sfida) è ancora in uno stato primordiale. I vulcani e i ghiacciai continuano a forgiare questa giovane isola, la potenza dell’acqua che scaturisce dal sottosuolo in sbuffi di vapore e fiumi che si snodano in ripide cascate e i lunghi inverni bui dovuti alla vicinanza col circolo polare artico non impedirono ai primi coloni di stabilirsi nell’isola e di ottenere da essa il calore e l’energia per sopravvivere. Ai rover e alle scolte si chiederà di equipaggiarsi adeguatamente per raccogliere anch’essi la sfida di fare attività in un clima rigido, con abbondanti precipitazioni, di entrare in sintonia con la natura selvaggia, e di sfruttare la vicinanza col circolo polare artico che, agli inverni bui, durante l’estate, contrappone la possibilità di avere oltre 20 ore di luce: un vero e proprio regalo di tempo da spendere produttivamente.

    Infine l’Islanda è da sempre una terra meta di viaggi epici (runa reid – la ruota, il viaggio). I vichinghi si spinsero fin lassù esplorando le ultime frontiere dell’Europa e l’estremo nord dell’interno Mondo e Jules Verne fece partire proprio da questa isola il suo rocambolesco viaggio al centro della Terra. E’ dunque la meta ideale per i rover e le scolte che, moderni viandanti, vogliano spingersi lontano, per affrontare il non noto, forti delle proprie esperienze e capaci di gestire i propri limiti per spingersi oltre ad essi. Il viaggio è anche occasione privilegiata per capire chi siamo, per incontrare gli altri lungo la via, per raccogliere qualcosa in ogni tappa, ….

    Nell’ambito di queste tre tematiche generali – comunità, natura e viaggio – verranno proposte a partire dalla primavera 2009 (e dunque in preparazione alla partecipazione all’evento Roverway) delle tracce di riflessione per analizzare il proprio cammino di crescita individuale, e delle attività da proporre ai clan e alle compagnie di appartenenza.

    Rispondi