Gli scout al Quirinale

Il PRESIDENTE GIORGIO NAPOLITANO RICEVE UNA DELEGAZIONE DI SCOUT AL QUIRINALE

Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha ricevuto una delegazione di quaranta scout che il prossimo agosto parteciperanno al Jamboree, raduno dello scautismo mondiale. Al Jamboree, che si tiene in Inghilterra dal 27 luglio all’8 agosto prossimi, parteciperà un contingente di 2500 scout italiani aderenti alle associazioni Agesci e Cngei.
All’incontro con il Presidente Napolitano hanno partecipato, oltre a giovani scout di età compresa tra i 15 e i 20 anni, i presidenti della Federazione italiana dello Scautismo Chiara Sapigni e Sergio Fiorenza, i capi responsabili del contingente italiano iscritto al Jamboree Andrea Abrate, Raffaele di Cuia, Emanuela Ratto, Luigi Bocchino e Stefano Casalini, Don Jean Paul Lieggi e la tesoriera federale per il Jamboree Lorenza Prandi.
Nel 1907 Sir Robert Baden Powell e 23 ragazzi hanno dato vita al primo campo scout della storia. E la magia dello scautismo non si è mai spenta. Lo scautismo oggi è diffuso in 216 paesi, le associazioni scout contano in tutto 38 milioni di iscritti, duecentomila dei quali solo in Italia.
Nel 2007, in occasione del Centenario della nascita dello Scautismo, il Jamboree sarà ospitato nel Paese in cui è nato, in Gran Bretagna, e precisamente ad Hylands Park, Chelmsford.
40.000 ragazzi e ragazze scouts condivideranno avventura, amicizia internazionale e crescita personale.
Il tema scelto per quest’incontro è “Un mondo, una Promessa”, un tema che esprime il forte legame che unisce tutti gli scouts e le guide del mondo, nonostante le differenze culturali, linguistiche, etniche, religiose. Un legame che parte proprio dalla Promessa scout che nel mondo viene pronunciata in tante lingue diverse. Sarà un’occasione unica per comprendere che è possibile, per persone con differenti culture, religioni e lingue, lavorare e vivere insieme in pace per costruire un mondo migliore.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Rispondi