Forestale e Scout insieme per la difesa dell’ambiente

Sottoscritto in Abruzzo il protocollo d’intesa fra il Corpo forestale dello Stato e la Federazione Italiana dello Scautismo.
200.000 mila scout collaboreranno con i forestali nella lotta agli incendi boschivi, nell’attività di educazione ambientale e per la tutela degli animali e delle foreste.

Popoli (PE), 15 luglio 2008 – Oggi, Cesare Patrone, Capo del Corpo forestale dello Stato e, Chiara Sapigni, Presidente della Federazione Italiana dello Scautismo hanno sottoscritto un protocollo d’intesa. La cerimonia si è svolta nella splendida cornice naturale dell’azienda pilota per la biodiversità “Monte Corvo” di Popoli (PE) gestita dal Corpo forestale dello Stato. (testo del protocollo e scansione del protocollo firmato)
Il protocollo prevede la realizzazione di una serie di progetti di interesse comune che mirano alla salvaguardia delle risorse ambientali. La sostanziale omogeneità degli interessi tutelati sia dalla Forestale che dalla Federazione dello Scautismo consentirà di stabilire forme utili di collaborazione, attraverso la reciproca messa a disposizione di risorse umane e strumentali, al fine di realizzare azioni mirate alla lotta e alla prevenzione degli incendi boschivi, alla tutela degli animali, dei b7oschi e al rispetto dell’ambiente.

Questo slideshow richiede JavaScript.


Cesare Patrone, Capo del Corpo forestale dello Stato ha tal proposito ha dichiarato: “Forestale e Scout, un binomio vincente che consentirà di realizzare una serie di progetti comuni, una collaborazione mirata alla formazione di futuri cittadini consapevoli e rispettosi della natura. Si estende così la già ampia sfera di collaborazione fra il Corpo e le principali componenti sociali, scientifiche e culturali che a diverso titolo si occupano di tutelare il patrimonio ambientale nazionale”.

Chiara Sapigni, Presidente della Federazione Italiana dello Scautismo composta dall’Associazione guide e scouts cattolici italiani (AGESCI) e dal Corpo nazionale giovani esploratori ed esploratrici italiani (CNGEI), che riunisce circa 200.000 scout ha dichiarato: “Il protocollo è una nuova occasione per rinnovare, insieme al Corpo Forestale dello Stato, un impegno a cui ci sentiamo chiamati per custodire e tutelare quel patrimonio universale della natura che lo scout da sempre ama e rispetta”

La cerimonia si è svolta all’interno di un vero e proprio campo scout, allestito da forestali della Scuola del Corpo di Cittaducale e da una rappresentanza di scout provenienti da diverse località abruzzesi . Per l’occasione è stata allestita una mostra di mezzi della forestale specializzati nella lotta agli incendi boschivi, fra cui un elicottero NH 500.

Al termine dell’evento forestali e scout hanno liberato diversi esemplari di rapaci, curati presso il Centro Recupero fauna selvatica del Corpo forestale di Pescara.

 

Rispondi