News

In varietate concordia

wsc40_2014Candidatura italiana ad ospitare la 40. World Scout Conference

L’unità nella diversità non è solo un motto, piuttosto può dare un contributo concreto per migliorare la qualità della vita dell’umanità….. approfittando di questo periodo di crisi per proporre modelli che sono sia tradizionali che moderni.
Vi attendiamo nell’ospitale terra italiana, in modo da poter capire insieme che un altro mondo è possibile.
L’anno 2014 sta avvicinandosi velocemente e tutto questo può essere sperimentato personalmente.
Tutti uniti, ciascuno nella loro propria diversità.

[ L’organizzazione della quarantesima World Scout Conference è stata affidata alla Slovenia. ]

Tavola Rotonda “Verso un piano giovani”

Sala Rossa, Comune di Torino, 2 ottobre 2010

logo La Federazione Italiana dello Scautismo e il mondo dell’associazionismo giovanile, si incontrano per confrontarsi su uno dei temi più rilevanti per lo sviluppo delle politiche giovanile in Italia: la realizzazione di un Piano Giovani.
La tavola rotonda che si svolgerà a Torino il 2 ottobre 2010, vuole essere un momento di condivisione con l’associazionismo per la stesura di un documento elaborato in sinergia tra le parti sociali e le istituzioni pubbliche, contenente gli obiettivi, le strategie e gli strumenti per realizzare politiche di lungo termine sui principali temi che toccano le giovani generazioni: dall’educazione formale e non formale al lavoro, dalla sanità all’ambiente, dall’università al lavoro, dal riconoscimento del merito alla partecipazione ai processi decisionali.
L’’AGESCI, Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani e il CNGEI, Corpo Nazionale Giovani Esploratori ed Esploratrici Italiani riunite, nella Federazione Italiana dello Scautismo, sono da anni impegnate nel sostenere insieme lo sviluppo delle politiche giovanili sul territorio nazionale, al fine di ampliare le maglie della democrazia rappresentativa e di offrire ai propri ragazzi gli strumenti per esercitare il loro diritto/dovere alla cittadinanza attiva. L’incontro avrà il fine di rilanciare a livello nazionale e locale il tema “Piano Giovani” e mettere a confronto organizzazioni giovanili sugli obiettivi, i contenuti e i possibili percorsi da intraprendere per la sua realizzazione; dare l’opportunità ai giovani di approfondire il tema delle politiche giovanili e di essere più partecipi e consapevoli; contribuire a rafforzare le sinergie con le altre organizzazioni giovanili, nonché con le istituzioni preposte.

Scarica il Programma della Tavola Rotonda

Invito al seminario La rete 2010

EVENTO PER GUIDE E SCOUT RAPPRESENTANTI PRESSO IL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI E LE PIATTAFORME LOCALI DEI GIOVANI: TORINO, 1-2-3 OTTOBRE 2010

La Federazione Italiana dello Scautismo organizza il secondo evento di formazione nazionale “La Rete” per tutte le Capo e i Capi che rappresentano CNGEI e AGESCI presso il Forum Nazionale dei Giovani e presso le varie Piattaforme locali di rappresentanza giovanile.
OBIETTIVI

• Incrementare le conoscenze in merito alla struttura associativa, al metodo di lavoro delle Associazioni AGESCI e CNGEI;
• Studiare i principali documenti per il lavoro di rappresentanza associativa;
• Promuovere il lavoro svolto dalle due Associazioni presso il Forum Nazionale dei Giovani e Forum locali;
• Sviluppare dinamiche di lavoro/attività per diffondere le politiche giovanili all’interno delle nostre Associazioni;
• Sviluppare dinamiche per incrementare la conoscenza del Guidismo e dello Scautismo presso le piattaforme di rappresentanza;
• Raccogliere le idee e coordinare i progetti locali e nazionali.

STRUMENTI PRIVILEGIATI
Utilizzando metodi e tecniche proprie del nostro essere scout verranno proposti temi di riflessione, micro-casi, buone pratiche e strumenti di lavoro che mirano ad aumentare la confidenza e l’autorevolezza dei nostri giovani rappresentanti.
Inoltre, particolare attenzione verrà posta alle tecniche di advocacy, alle modalità di stesura di progetti, a tecniche di lavoro in team con altre realtà associative.

PROFILO DEL PARTECIPANTE
L’evento di formazione si rivolge ai Capi scout, rappresentanti delle Associazioni di appartenenza presso il Forum Nazionale dei Giovani o presso le varie piattaforme di rappresentanza giovanile locale. Sono ammessi due rappresentanti per ogni Associazione (preferibilmente una Capo donna e un Capo uomo) per ciascuna Regione.
È preferibile che prendano parte all’evento giovani Capi con un età inferiore ai 35 anni.

DATA E LUOGO DI INCONTRO

L’evento inizierà venerdì 1 ottobre 2010 alle ore 15 e terminerà domenica 3 ottobre alle ore 14.
Il programma dettagliato verrà inviato dopo l’iscrizione all’evento. In data 2 ottobre alle ore 16 si terrà la Tavola rotonda presso il Comune di Torino, dal titolo: “Urge un piano giovani”.
L’evento si terrà a Torino.

ISCRIZIONE E COSTI
Chiunque sia interessato dovrà spedire la domanda di iscrizione allegata alla presente entro il 6 settembre, al fax n. 0668134716 o all’indirizzo di posta elettronica info@scouteguide.it insieme alla copia del bonifico a pagamento della quota.
La quota di partecipazione all’evento è di Euro 50,00 a persona ed include pasti e pernottamento, da versare tramite bonifico bancario sul c/c n. 111333 presso Banca Popolare Etica, intestato alla Federazione Italiana dello Scautismo, IBAN IT26 C050 1803 2000 0000info@scouteguide.it 0111 333, con causale “Seminario La Rete 2010”. La FIS non effettuerà rimborsi delle spese di viaggio o di altre spese sostenute per la partecipazione al seminario.
Si richiede ai Responsabili e ai Commissari Regionali, atteso che i Capi presenti al seminario di formazione “La Rete”, parteciperanno come loro delegati presso le piattaforme di rappresentanza giovanile, di supportarli nelle spese di partecipazione del seminario e/o di viaggio.
Durante i lavori del seminario, i presenti parteciperanno alla Tavola Rotonda organizzata dalle nostre Associazioni, presso i locali del Comune di Torino, ove il mondo politico e associativo si confronterà sull’importanza di adottare un Piano Giovani nazionale e locale.
È richiesto ad ogni partecipante dell’evento di portare con sé una straordinaria specialità culinaria della propria terra, da condividere la sera del venerdì, nonché, qualsiasi strumento musicale!

Per ulteriori informazioni e per inviare le domande di iscrizione contattare:
Segreteria FIS: 06 68 13 47 16, e-mail info@scouteguide.it
Massimo De Luca (Referente seminario): 3285695515, e-mail deluca.dl@gmail.com

Materiale: Invito seminario / Scheda iscrizione / Programma tavola rotonda

Dal 17 al 19 settembre facciamo Stand Up

La campagna del millennio dell’ONU
Nel 2000, i 189 Paesi membri delle Nazioni Unite hanno siglato un accordo epocale, la Dichiarazione del Millennio, impegnandosi a sconfiggere la povertà estrema entro il 2015. A completamento della Dichiarazione è stato definito un piano concreto che definisce obiettivi specifici e misurabili, gli Obiettivi del Millennio, e le risorse necessarie per realizzarli. A sostegno di tali Obiettivi nasce nel 2002 la Campagna del Millennio che lavora a fianco dei cittadini di più di 40 paesi in tutto il mondo perché le promesse fatte dai Governi ai più poveri vengano mantenute.

Cos’è lo Stand Up?
Stand Up significa impegnarsi in prima persona per la lotta alla povertà. È una delle più importanti e coinvolgenti mobilitazioni globali degli ultimi anni. Le quattro precedenti edizioni hanno visto una partecipazione straordinaria: solo nel 2009 oltre 118 milioni di persone si sono alzate ovunque nel mondo e l’Italia, con 800.820 partecipanti, è risultata la prima nazione in Europa.
Essenzialmente fare Stand Up significa ALZARSI IN PIEDI CONTRO LA POVERTÀ, un’affermazione simbolica di grande forza. L’eliminazione della povertà è il primo degli Otto Obiettivi di Sviluppo del Millennio, così come sono stati istituiti nella Dichiarazione del Millennio delle Nazioni Unite, firmata nel settembre 2000 dai Capi di Stato e di Governo di tutto il mondo, con l’impegno a raggiungerli tutti entro il 2015.
L’appello ad alzarsi in piedi contro la povertà viene lanciato dalla Campagna del Millennio delle Nazioni Unite No excuse 2015 che da ormai 5 anni organizza insieme a milioni di persone in tutto il mondo eventi Stand Up. Quest’anno si farà Stand Up dal 17 al 19 di settembre. Non dimenticarlo!

Perché a Settembre?
Quest’anno lo Stand Up viene anticipato a settembre perché dal 20 al 22 settembre a New York si riuniranno tutti i Capi di Stato e di governo che hanno promesso di raggiungere gli Obiettivi del Millennio per fare il punto della situazione e progettare i prossimi passi. Per questo nei giorni precedenti, dal 17 al 19 settembre, si svolgeranno le giornate Stand Up. Per chiedere all’Italia e a tutti i governi di arrivare preparati a questo Summit e di impegnarsi nella lotta alla povertà.

Fai sentire il tuo battito
Da quest’anno chi fa Stand Up fa sentire il suo cuore che batte forte contro la povertà e a sostegno degli Obiettivi del Millennio. Si dice che dovremmo “ascoltare il nostro cuore” quando dobbiamo prendere una decisione importante: il 2010 è un anno cruciale per gli Obiettivi del Millennio e con Il Vertice del Millennio del prossimo settembre alle porte è essenziale che ognuno di noi faccia sentire il suo cuore che batte forte ai leader che si riuniranno a New York.
Durante le giornate Stand Up 2010, facciamo sentire il nostro cuore e la nostra voce. Centinaia di migliaia di voci e battiti di cuori arriveranno ai nostri leader, ricordando loro che non ci sono scuse.
Stop alla povertà!

Il gioco
Nella tua città. In oltre trenta città italiane. Il Grande Gioco vivente per gli obiettivi del millenio.
Sabato 18 settembre 2010 a Bari, Firenze, Palermo, Torino, Trieste, Verona e in tante altre piazze italiane.
Entra nel gioco e gioca la tua parte. Cinque squadre per dare voce al nostro mondo. Una sfida: cancellare la povertà
Vieni anche tu! Ti aspettiamo.
Maggiori informazioni su: www.standupitalia.it.

Materiale
Brochure Stand Up

Locandina Gioco

Toolkit

 

Centenario del guidismo

Cosa è? Perché le celebrazioni durano un intero triennio? Cosa ha organizzato l’Associazione Mondiale delle Guide e delle Esploratrici? E la Federazione Italiana dello scautismo? Come posso partecipare alle celebrazioni?

In fondo a questa pagina troverai tutte le risposte e moltissimi spunti di attività e notizie interessanti!!!

La Federazione Italiana dello Scautismo ha deciso di promuovere le celebrazioni per il Centenario del guidismo e dello scautismo femminile anche attraverso la traduzione dei principali documenti dall’Associazione Mondiale delle Guide e delle Esploratrici (WAGGGS/AMGE) prodotti in occasione delle celebrazioni del centenario.

La FIS ritiene necessario inoltre aderire alla proposta educativa di Wagggs per il triennio 2010-2012, ovvero al Global Action Theme (GAT), ispirato ai temi fondamentali della Campagna del Millennio promossa dalle Nazioni Unite.

Si è quindi ritenuto utile per i/le soci/e di entrambe le associazioni componenti, Agesci e Cngei, promuovere il GAT come contenuto integrante ed elemento fondamentale delle celebrazioni del Centenario.

Una rilevanza tutta particolare avranno le celebrazioni per il Thinking Day, il 22 febbraio di ogni anno, le cui tematiche saranno: 2010 eliminare fame e povertà; 2011 promuovere la parità tra i sessi e l’autonomia delle donne; 2012 assicurare la sostenibilità ambientale.

Il 10 aprile 2010 darà il VIA a tre anni di celebrazioni che si terranno simbolicamente nel centesimo giorno dell’anno. Questa data segnerà quindi le nostre celebrazioni anche nel 2011 e nel 2012.

Gli spunti che seguiranno sono stati estratti, tradotti ed adattati, da tre documenti prodotti da Wagggs, di cui due dedicati alle celebrazioni dello scautismo femminile ed uno al Global Action Theme.

Per quanto riguarda le celebrazioni del guidismo e dello scautismo femminile., questo pacchetto di attività è il primo dei tre documenti previsti, uno per anno, che proporranno idee da sviluppare a secondo delle fasce d’età sulle quali operiamo.

Scarica il file di approfondimento in formato A4

Scarica l’opuscolo per la stampa

Cittadinanza attiva, protagonismo e ruolo dello scautismo nelle politiche giovanili

Se ne è discusso a Bracciano nel primo seminario FIS sulle politiche giovanili alla presenza del Ministro Meloni

Cittadinanza attiva, protagonismo e ruolo dello scautismo nelle politiche giovanili sono solo alcune delle principali tematiche su cui si sono confrontati capi scout di AGESCI e CNGEI durante i lavori del Seminario organizzato dalla Federazione Italiana dello Scautismo sul tema “Lo scautismo italiano e le politiche giovanili”.
L’evento, che ha avuto luogo a Bracciano da venerdì 26 a domenica 28 settembre, si inscrive all’interno del Progetto politichegiovanili@scouteguide.it, ideato dalla FIS per supportare energicamente le Associazioni, CNGEI e AGESCI, a sviluppare politiche attente e dinamiche a favore dei giovani su tutto il territorio nazionale, al fine di ampliare le maglie della democrazia rappresentativa.
Il seminario è stato la prima importante occasione di informazione e formazione che ha visto i giovani capi e gli educatori delle nostre associazioni confrontarsi con argomenti nuovi, di conoscere e confrontarsi con le Istituzioni che rappresentano i giovani e con altre realtà associative che operano in questo campo, nonché di misurarsi con le reali possibilità di essere protagonisti delle dinamiche decisionali in cui sono direttamente coinvolti a livello locale, nazionale ed internazionale.

Il Ministro della Gioventù, On. Giorgia Meloni, intervenendo, ha dato chiari segnali di interesse da parte delle Istituzioni Italiane al ruolo ricoperto dallo scautismo come realtà capace di portare validi contributi in termini di valori e di esperienze positive per i giovani del nostro paese.
Il Ministro, inoltre, ha sottolineato l’esigenza di veicolare con forza le esperienze dei giovani impegnati in attività di volontariato, utilizzando i canali della comunicazione per diffondere storie positive e dare una testimonianza concretamente costruttiva.

Questo slideshow richiede JavaScript.

A riportare l’esperienza della rete formata da oltre 60 associazioni giovanili nazionali, ci ha pensato il Portavoce del Forum Nazionale dei Giovani, Cristian Carrara, che ha evidenziato l’esigenza di investire nelle nuove generazioni, di attuare un concreto ricambio generazionale in cui sia il merito il criterio di accesso dei giovani ai luoghi deputati alle dinamiche decisionali del nostro paese. Di particolare rilievo, in tal senso, è stata la testimonianza dei delegati al Forum Nazionale dei Giovani, dell’Arciragazzi, dell’Azione Cattolica, di EXODUS, del CEMEA, del Club Alpino Italiano, del Movimento Studentesco Cattolico e dell’UGL, i quali con estrema accortezza hanno presentato le varie campagne nazionali organizzate dalle Commissioni del Forum Nazionale dei Giovani a favore dei giovani.
Una vera lezione di vita è stata invece donata ai presenti il sabato sera dal Procuratore della Repubblica del Tribunale di Torino (ex Procuratore antimafia) Dr Giancarlo Caselli, il quale si è speso in prima persona, testimoniando l’importanza e la necessità urgente di un ricambio culturale e sociale, esortando gli scout a porsi come autentici agenti di cambiamento, a vivere con radicalità il presente senza rassegnarsi alla quotidianità del male e a riscoprire i valori della Costituzione per capire meglio l’oggi e costruire memoria storica nel nostro paese.
I delegati di WOSM e WAGGGS hanno riportato l’impegno dello scautismo nelle politiche giovanili a livello internazionale e, soprattutto, europeo, presentando inoltre la versione italiana del documento redatto da WAGGGS e WOSM insieme ad altre 4 associazioni giovani mondiali – The Big Six – nel quale sono riportati ottimi spunti di riflessione sull’impegno di ogni associazione scout nazionale al fine di offrire a tutti i giovani, scout e non, strumenti validi per esercitare il diritto di essere ascoltati.
Una piattaforma associativa con dinamiche di rappresentanze, simile a quella del Forum Nazionale dei Giovani, in cui il Cngei e l’Agesci hanno avuto già modo di lavorare insieme ad altre realtà associative, è “LIBERA”. Lì, lo scautismo ogni giorno opera per un cambiamento culturale radicale. Il coraggioso e silente lavoro degli scout, permette di porre il proprio onore nel meritare la fiducia della società, ponendosi in tal modo come autentici agenti di cambiamento. Non si può assolutamente porre sullo stesso piano le finalità e gli obiettivi della piattaforma LIBERA e del Forum Nazionale dei Giovani, ma possiamo affermare con certezza che, anche nel mondo delle politiche giovanili, gli scout possono fare la differenza esportando, con lo stesso stile, i valori propri dello scautismo all’interno della società e colmando in tal modo un terribile vuoto sociale: la mancanza di un’opinione dei giovani.
Il seminario si è concluso con il lancio della terza fase del progetto, ovvero, l’evento annuale di formazione che vedrà coinvolti tutti i giovani capi – Cngei e Agesci – già impegnati nei Forum/consulte locali o che sono interessati al progetto.
Andate sul sito della FIS, cliccate sul logo politichegiovanili@scouteguide.it, un bel mondo con il fazzolettone al collo, e visitate tutte le pagine preparate per diffondere in maniera capillare le informazioni e i contenuti delle campagne, attività, progetti delle nostre Associazioni e del Forum Nazionale dei Giovani nell’ambito delle politiche giovanili e scaricare documenti essenziali per poter iniziare a lavorare in questo settore.
Le Associazioni Cngei e Agesci invitano i giovani capi a formarsi e a divenire promotori insieme a loro di dinamiche di rappresentanza giovanile sul proprio territorio, a livello locale. 210 mila scout italiani, se lo vogliono, possono fare la differenza ed essere determinanti sul proprio territorio per tutti i processi decisionali, testimoniando i valori scout e contribuendo attivamente alla realizzazione di una concreta cittadinanza attiva.
L’avventura continua…
…Buona strada a tutti
La Pattuglia Politiche Giovanili FIS

Servizio civile con l’Albero della Vita

alberodellavitaUn’opportunità da cogliere al volo
Desideriamo segnalare un’opportunità per coloro che sono interessati a svolgere il Servizio Civile Nazionale.
L’Albero della Vita (www.alberodellavita.org) è una ONLUS che si occupa tutelare i diritti di bambini, adolescenti e donne in situazioni di disagio sociale, in Italia e all’estero.
I progetti di servizio civile di questa associazione nel 2009-2010 si svolgeranno in tre regioni: Campania, Lombardia e Sardegna. Scarica qui la presentazione del progetto.
Per maggiori informazioni sul servizio civile con l’Albero della Vita: (www.alberodellavita.org/news/99/pubblicato_il_bando_nazionale_di_servizio_civile.html)
Per maggiori informazioni sul Servizio Civile Nazionale si veda il sito dell’UNSC: www.serviziocivile.it.
Le domande devono pervenire all’UNSC entro le ore 14.00 del 27 luglio (non fa fede il timbro postale), quindi coloro che sono interessati devono affrettarsi!

Evento di formazione Scout in rete, Bracciano, 25-27 settembre 2009

Primo evento di formazione nazionale “Scout in rete”

La Federazione Italiana dello Scautismo organizza il primo evento di formazione nazionale “Scout in rete” per i Capi che rappresentano CNGEI e AGESCI presso il Forum Nazionale dei Giovani e le varie Piattaforme locali di rappresentanza giovanile. Sono ammessi due rappresentanti per ogni Associazione per ciascuna Regione. L’evento si terrà presso la Base AGESCI di Bracciano (Roma).
Il termine di iscrizione originariamente fissato per il 1 agosto è stato prorogato ed è ancora possibile iscriversi.

Scarica l’invito e la scheda d’iscrizione in formato word o openoffice.

III° Congresso del Forum Nazionale Giovani

AGESCI e CNGEI impegnate per lo sviluppo delle politiche giovanili in Italia. Incendi boschivi, educazione ambientale, tutela degli animali e delle foreste i principali ambiti d’intervento previsti dal protocollo d’intesa che sarà siglato dal Corpo forestale dello Stato e dalla Federazione Italiana dello Scautismo/Guidismo

Nelle giornate del 18 e 19 Aprile si è svolto a Roma, nella sala congressi dell’Hotel Villa Carpegna, il III° Congresso del Forum Nazionale Giovani (FNG), durante il quale si sono tenute le elezioni del nuovo portavoce del Forum e del Consiglio Direttivo.
I lavori del sabato hanno visto nella fase iniziale il saluto di Cristian Carrara portavoce uscente e l’intervento del Ministro della Gioventù Giorgia Meloni che ha colto l’occasione per ringraziare tutte le associazioni che si sono mobilitate per l’emergenza in Abruzzo.
In seguito alle elezioni svoltesi nel pomeriggio il nuovo portavoce del FNG è Antonio de Napoli (MSC) mentre il nuovo Consiglio Direttivo è cosi fomato: Carmelo Lentino (Giovani Insieme), Rafi Korn (Giovani verdi), Andrea Iurato (Fuci), Antonio Polica (UGL), Giovanni Corbo (MODAVI onlus), Gianluca Melillo (AICS), Andrea Roberti (Azione Giovani), Giuseppe Failla (Giovani delle ACLI).
La domenica si è tenuta l’Assemblea durante la quale sono state discusse e votate le linee programmatiche, sulle quali si baserà il lavoro del FNG durante il trienio 2009-2011. Le attività di articoleranno sulle seguenti commissioni tematiche: europa-mondo; inclusione sociale e pari opportunità; ambiente; famiglia, infanzia, adoloscenza; lavoro, sicurezza e politiche sociali; educazione e formazione; territorio e cittadinanza attiva; sviluppo economico e politiche di coesione; riforme e attività legislativa; cultura, sport e turismo; scuola, università e ricerca; cultura della legalità; salute.
AGESCI e CNGEI, sono tra le associazioni fondatrici del FNG, e fin dalla sua nascita sono impegnate attivamente per far sentire la voce del guidismo e dello scautismo all’interno di questa piattaforma, che tramite le circa settanta organizzazioni giovanili associate, rappresenta oltre cinque milioni di giovani del nostro Paese.

La delegazione AGESCI: Luca Gentili, Cristian Di Menna, Alessandro Musella, Massimo De Luca.
La delegazione CNGEI: Daniele Rinaldi, Michele Romani.

Nella foto la delegazione AGESCI e CNGEI insieme al Ministro per la Gioventù, on. Giorgia Meloni. Da sinistra: Luca Gentili (A), Massimo De Luca (A), Michele Romani (C), Alessandro Musella (A), il Ministro per la Gioventù on. Giorgia Meloni, Daniele Rinaldi (C), Cristian Di Menna (A).3congressofng

 

Terremoto Abruzzo: lettera ai Rettori delle Università

La FIS scrive ai Rettori affinché le Università non ostacolino quegli studenti scout che desiderano impegnarsi a favore dei terremotati.
Come saprete, a seguito del sisma in Abruzzo AGESCI e CNGEI hanno ricevuto dal Dipartimento per la Protezione Civile la richiesta di essere presenti sui luoghi dell’emergenza.
Alcuni Capi studenti universitari raccontano di difficoltà nel trovare comprensione da parte di docenti intransigenti sulla frequenza ai corsi o sulla presenza a prove in itinere o preappelli per frequentanti.
La FIS ha quindi deciso di scrivere alla CRUI (Conferenza dei Rettori delle Università italiane) per segnalare questa situazione.

Scarica qui la lettera inviata alla CRUI.